fbpx

Sanitas Farmaceutici alla Formazione Avanzata sulla Terapia del Dolore a Napoli

Nel panorama in continua evoluzione del settore farmaceutico, è fondamentale per le aziende rimanere al passo con le ultime scoperte e le migliori pratiche nel campo della salute. Per questo motivo, Sanitas Farmaceutici ha recentemente partecipato al corso di “Alta Formazione Terapia del Dolore, tenutosi a Napoli dal 7 al 9 marzo 2024.

L’evento ha rappresentato un’opportunità unica per approfondire le conoscenze nel trattamento del dolore, coinvolgendo esperti e professionisti del settore per tre giorni di presentazioni, discussioni e scambio di idee.
Il programma del corso, articolato in diverse sessioni tematiche, ha fornito una panoramica completa sulle sfaccettature del dolore e sulle più recenti strategie terapeutiche.
Da argomenti come la relazione tra dolore e personalità dei pazienti, alle nuove strategie farmacologiche, ogni sessione ha offerto spunti preziosi per migliorare le pratiche terapeutiche e l’approccio ai pazienti.

Nervana di Sanitas Farmaceutici: Una Soluzione Naturale per il Benessere

Durante l’evento, Sanitas Farmaceutici ha avuto l’opportunità di condividere il suo nuovo integratore naturale, recentemente brevettato: Nervana. Formulato con estratti titolati di Acmella oleracea e Boswellia serrata, Nervana mira a offrire sollievo dai disagi associati al dolore.

La partecipazione di Sanitas all’evento è stata un’occasione per condividere con la comunità scientifica l’impatto del suo ultimo prodotto lanciato sul mercato, in grado di offrire una soluzione efficace e naturale per il benessere dei pazienti.

L’evento ha anche fornito uno spazio prezioso per il networking e lo scambio di idee, contribuendo a creare connessioni significative e stimolando nuove prospettive: anche in un settore iper-specialistico, le relazioni umane e il confronto sono fondamentali per sviluppare in nuove direzioni le conoscenze acquisite, e per continuare a offrire soluzioni terapeutiche innovative per il benessere di tutti.

 

[Foto credit: Associazione Partenos]